Père Lachaise, il cimitero più famoso al mondo

Père Lachaise Parigi

Uno dei luoghi più visitati ogni anno (oltre 3 milioni di visite) a Parigi è il Pere Lachaise, il più grande e celebre cimitero civile della capitale francese: situato nel XXmo arrondissment, ospita le sepolture di tantissimi personaggi illustri tra cui Moliere, La Fontaine e Jim Morrison. La sua storia prese le mosse dall’editto napoleonico che, ad inizio XIX secolo, vietava le sepolture dei defunti all’interno dei confini cittadini per ovvie questioni di salute pubblica. A causa di ciò l’abitudine di tumulare le salme nelle chiese o nei cimiteri vicini a luoghi sacri fu abbandonata e iniziarono le costruzioni di grandi cimiteri al di fuori delle città. Il Père Lachaise venne aperto nel 1804 nella zona est di Parigi, seguito nel corso dei primi decenni dell’Ottocento da quelli di Passy, Montparnasse e Monmartre.

Il nome del cimitero risale al gesuita François d’Aix de La Chaise, confessore di Luigi XIV nonché proprietario dei terreni su cui il cimitero sorse. In origine il cimitero si estendeva per oltre 17 ettari: in seguito a vari ampliamenti che si sono succeduti nel corso degli anni il cimitero si estende oggi per ben 43,93 ettari e conta oltre 70.000 tombe e 5.300 alberi che rendono l’atmosfera unica, sospesa tra il romantico ed il gotico.

Poiché in origine i parigini non accettarono con benevolenza questo nuovo cimitero, nel 1815, 10 anni dopo l’apertura, si contavano solo 2000 tombe effettive. Le autorità locali decisero così, per incentivare i cittadini più facoltosi ad usufruirne, di trasferirvi le spoglie di personaggi famosi. Tra i primi ad esservi tumulati, spiccano le tombe dei leggendari innamorati Abelardo ed Eloisa, dello scrittore Molière e del favolista Jean La Fontaine (XVII secolo). L’idea si rivelò vincente e solo 25 anni dopo la sua fondazione, erano ben 33.000 le tombe presenti: il successo comportò urgenti interventi di ampliamento.

Un tour guidato dedicato al Père Lachaise, davvero speciale, vi condurrà alla scoperta delle tombe di personaggi che hanno lasciato il segno in tutti i campi della storia umana.

Autore
Stefano Massari
Pubblicato il
Mar, 30/07/2019 - 19:24